Libri

OMAGGIO A LEONARDO
PER CINQUE SECOLI
DI STORIA 1519 2019
a cura di Roberta Barzanti e Monica Taddei

PAOLO SCANDALETTI

Si è tornati a guardare a Leonardo da Vinci, alle sue ricerche e alle sue pubblicazioni di genio, insieme rappresentando sullo sfondo il Rinascimento con il risveglio delle arti, la scienza e le prime tecnologie. Otto “Letture” svolte proprio a Vinci,  raccolte ora in volume dall'editore Olschki.

Paolo Galluzzi si compiace di indagare il rovescio della medaglia nei rapporti col grande personaggio: la lunga inoperosità della Commissione Vinciana e la negligenza degli organi statali, la litigiosità fra gli esperti, le supplenze di Antonio Favero, studioso di Galileo, le trenta copie del volume di Giuseppe Bossi sul Cenacolo inviate alla Fiera di Lipsia e rimaste invendute, a dimostrazione che la figura di Leonardo è quasi ignota alla cultura germanica, mentre invece italiani e francesi lo celebrano insieme, benché Napoleone abbia sottratto a suo tempo il Codice Atlantico.. Resta il fatto che Leonardo ha illuminato i secoli bui del Medioevo cattolico..
Di grande interesse la ricerca di Domenico Laurenza sugli studi leonardeschi in tema di anatomia e geologia, la figura umana e il paesaggio. Un artista che si fa scienziato e viceversa, in nome dell'autentica libertà della cultura e con il gusto per l'approfondimento e la compiutezza dello studio sulla condizione umana. I disegni “preparatori” sulla muscolatura e sul sistema nervoso sono spettacolari, e spiegano il corpo umano dall'interno.. Come dimostrano nella maniera più sublime Il Cenacolo e soprattutto la Battaglia di Anghiari.
Singolare per il tema ma di quasi pari interesse per l' impegno che vi ha profuso, lo studio di Leonardo sulle tecnologie belliche: armi, artiglierie e cannoni: legato al suo soggiorno milanese e al rapporto stabilitosi con gli armaioli locali, assai attivi e intraprendenti.
Da segnalare infine – ma meriterebbe una recensione a parte – lo studio di Carlo Ossola  sul   l'ammirazione di Leonardo per Dante: dove ancora una volta si dimostra che le grandi menti non mancano di riconoscersi fra loro..
 

Libri più recenti